Come riparare/correggere le tabelle delle partizioni dell’hard disk su Windows

manuviraj
Scritto da
Approvato da
21

riparazione tabella delle partizioni windows 10Avvii il PC e all’improvviso, ti imbatti nel messaggio “tabella delle partizioni non valida” o “tabella delle partizioni mancante”. È naturale andare nel panico e presumere di aver perso definitivamente l’accesso ai tuoi dati. Stai tranquillo, non è questo il caso. Ci sono diversi modi in cui puoi riparare la tabella delle partizioni sul disco fisso o SSD del tuo PC. Ne esaminiamo in dettaglio questi metodi nelle sezioni sottostanti.

Cos’è una Tabella delle Partizioni

La tabella delle partizioni (o mappa delle partizioni) di un HDD o SSD definisce come il disco è partizionato. Contiene le informazioni necessarie che permettono al tuo OS di sapere quale è la partizione di avvio. Le due tabelle delle partizioni più comunemente utilizzate su Windows sono Master Boot Record (MBR) e GUID Partition Table (GPT).

MBR è uno schema di partizione più vecchio, utilizzato principalmente in computer più datati (pre-2015). In esso, il primo settore del disco memorizza i dati della partizione. Ogni voce della partizione costituisce 16 byte, con una dimensione massima supportata di 64 byte. Pertanto, la tabella delle partizioni MBR supporta un massimo di 4 partizioni. La dimensione massima della partizione di ciascuna partizione è di 2 TB.

La GUID Partition Table (GPT) è stata sviluppata per superare i limiti dell’MBR oltre a far parte dell’Interfaccia Firmware Estensibile Unificata di Intel (UEFI) – il sostituto del BIOS dei vecchi PC. La maggior parte dei computer moderni utilizza GPT. Per l’utente medio, GPT offre tre vantaggi principali rispetto a MBR:

  1. Supporta fino a 128 partizioni.
  2. La dimensione massima supportata per partizione è di 18 Exabyte (EB).
  3. GPT contiene una tabella delle partizioni di backup per una migliore protezione e integrità dei dati.

Cosa Significa Tabella delle Partizioni non Valida?

Se incontri l’errore della tabella delle partizioni non valida, significa che il tuo sistema non è in grado di localizzare la partizione contenente i dati di avvio. Ci possono essere diverse ragioni per questo, con la maggior parte facilmente risolvibili. Utilizza la tabella qui sotto come guida:

Motivo

Descrizione

⛓️ Sequenza di avvio errata La sequenza di avvio determina quale disco di archiviazione verrà controllato dal sistema per i file di avvio del sistema operativo. Se impostata in modo errato, il PC verificherà il drive di archiviazione sbagliato per il sistema operativo e, di conseguenza, restituirà l’errore di tabella delle partizioni non valida quando non può trovare la partizione di avvio in quel disco. La sequenza di avvio può essere cambiata nelle impostazioni del BIOS/UEFI.
💿 Settori danneggiati I settori danneggiati sono aree di un disco che non possono essere letti o scritti. Possono svilupparsi per vari motivi, incluso l’usura normsle. Se si sviluppa un settore danneggiato nel settore di avvio, il PC restituirà l’errore di tabella delle partizioni non valida.
🦠 Tabella delle partizioni danneggiata Ci sono molteplici fattori che possono causare danni alla tabella delle partizioni. Virus informatici, corruzione dei dati, interruzioni di corrente e sovratensioni possono danneggiare l’integrità dei dati e della tabella delle partizioni, rendendola illeggibile.
⚙️ Configurazione errata del sistema operativo Windows Se hai manomesso le impostazioni di avvio di Windows o la sequenza, può risultare in un errore di tabella delle partizioni non valida
✅ Due o più partizioni sono marcate come attive La partizione Attiva sul computer è quella che contiene il sistema operativo e i file di avvio di Windows. Se più partizioni sono marcate come attive, Windows non si avvierà e apparirà l’errore di tabella delle partizioni non valida.
💻 Un BIOS obsoleto Una scheda madre con driver BIOS obsoleti potrebbe non essere in grado di localizzare il settore di avvio del tuo disco.

Come recuperare i dati da un’unità con una tabella delle partizioni non valida

Riparare una tabella delle partizioni può occasionalmente causare la perdita di dati, a seconda di cosa ha causato l’errore e del metodo utilizzato per correggerlo. Ecco perché è una buona idea recuperare prima tutti i tuoi dati prima di procedere a riparare la tabella delle partizioni. L’unico modo per eseguire il recupero dati fai da te è quello di utilizzare uno strumento di recupero dati.

Per eseguire il recupero dati su un disco che mostra il messaggio di tabella delle partizioni non valida all’avvio, dovrai collegarlo a un altro PC funzionante. Puoi collegare l’unità direttamente utilizzando il suo cavo SATA, o utilizzare un alloggiamento per dischi per eseguire il recupero delle partizioni su di esso come un’unità esterna.

Nel nostro tutorial, utilizzeremo Disk Drill, principalmente per la sua facilità d’uso e funzionalità senza pari. Riconosce oltre 400 formati di file, tutti i comuni sistemi di file attraverso differenti sistemi operativi, e funziona con dischi anche se sono danneggiati. Puoi usufruire della prova gratuita di Disk Drill, che ti permette di recuperare fino a 500 MB di file gratuitamente.

Ecco come puoi ripristinare i dati da un’unità con un file master danneggiato, utilizzando Disk Drill:

  1. Scarica Disk Drill e installalo su un disco separato.
  2. Apri Disk Drill, seleziona il disco che aveva la tabella delle partizioni non valida e clicca Cerca dati persi.Cerca dati persi in Disk Drill.
  3. Clicca Esamina gli elementi trovati per vedere i dati recuperabili che Disk Drill ha scoperto. Per filtrare i risultati, puoi cliccare direttamente sul tipo di file rilevante–Immagini, Audio, Video, Documenti, Archivi, e Altro.Opzione esamina gli elementi trovati in Disk Drill.
  4. Espandi la sezione Esistenti per visualizzare i file già presenti sul tuo disco, o la sezione Cancellati o persi per vedere i file che sono stati eliminati in precedenza.Sezioni di recupero dati in Disk Drill.
  5. Usa le caselle di selezione per scegliere i file necessari. Disk Drill mostra un’anteprima del file attualmente selezionato. Puoi anche cliccare sull’icona dell’occhio accanto al nome del file per richiedere manualmente a Disk Drill di mostrare un’anteprima. Clicca Recupera dopo aver confermato la tua selezione.Elenco di file recuperabili in Disk Drill.
  6. Scegli una destinazione di recupero per i tuoi file. Clicca su Avanti.Prompt di destinazione di recupero in Disk Drill.
  7. Disk Drill recupererà i tuoi file.

Come riparare le tabelle delle partizioni su Windows

Poiché il tuo PC non si avvia con una tabella delle partizioni non valida, dovrai creare un’unità USB avviabile utilizzando i supporti di installazione di Windows per applicare queste correzioni. Una volta che hai creato il supporto di installazione, puoi usarlo per accedere all’Ambiente di Ripristino di Windows (WinRE) e risolvere l’errore della tabella delle partizioni non valida.

Per alcune correzioni dovrai creare un USB Windows to Go utilizzando uno strumento come RUFUS.

Una volta fatto ciò, ecco come puoi risolvere il problema della tabella delle partizioni non valida sul tuo computer:

Metodo 1: Ripristina Windows a uno stato precedente utilizzando il Ripristino configurazione di sistema

La funzione Ripristino configurazione di sistema di Windows è una manna dal cielo se desideri ripristinare la tabella delle partizioni. Riporterà il tuo PC a uno stato precedente, uno in cui il sistema era configurato correttamente. Tuttavia, la funzione avrebbe dovuto essere abilitata con un punto di ripristino che è stato creato prima che Windows venisse configurato in modo errato.

Ecco come utilizzare il Ripristino configurazione di sistema di Windows per riparare la tabella delle partizioni sul tuo PC:

  1. Collega la chiavetta USB con i media di installazione di Windows al tuo PC.
  2. Nella schermata di installazione di Windows, seleziona Ripristina il PC per accedere all’Ambiente di ripristino di Windows (WinRE).
  3. Ora, vai su Risoluzione dei problemi > Opzioni avanzate > Ripristino configurazione sistema.
  4. Fai clic su Avanti nella schermata di benvenuto del Ripristino configurazione sistema.Benvenuto nel Ripristino configurazione sistema.
  5. Seleziona un punto di ripristino del sistema in questa schermata e fai clic su Avanti.Punto di ripristino.
  6. Controlla tutti i dettagli e fai clic su Termina.Fine Ripristino configurazione sistema.

Metodo 2: Imposta Altre Partizioni Primarie come Inattive

Il comando diskpart da linea di comando su Windows può aiutarti a impostare come inattive le partizioni, esclusa quella che contiene Windows. Ciò correggerà l’errore della tabella delle partizioni non valida se è stato causato dalla presenza di molteplici partizioni primarie attive.

Ecco come fare:

  1. Entrare nell’Ambiente di ripristino Windows (WinRE).
  2. Vai a Risoluzione dei problemi > Opzioni avanzate > Prompt dei comandi.
  3. Digitare diskpart nella console.Comando Diskpart.
  4. Digitare list disk e premere Invio.Comando List disk.
  5. Selezionare il disco che contiene il sistema operativo Windows. È possibile farlo utilizzando il comando select disk x. Sostituire x con il numero del disco corrispondente. Ad esempio, select disk 0.Comando Select disk.
  6. Digitare list partition e premere Invio.Comando List partition.
  7. Ora, cercare le partizioni con l’etichetta “Primary”. Selezionare quella che non contiene Windows. Digitare select partition x e premere Invio. Anche qui, sostituire x con il numero della partizione.Comando Select partition.
  8. Infine, digitare inactive e premere Invio.Comando Inactive.
  9. Ripetere i passaggi per contrassegnare tutte le altre partizioni, eccetto quella che contiene il SO, come inattive.

Metodo 3: Modifica la sequenza di avvio

Se ci sono più dischi collegati al tuo PC, quello che contiene Windows dovrebbe essere in cima alla sequenza di avvio. Puoi cambiare la sequenza di avvio nelle impostazioni del BIOS o UEFI del tuo PC.

I passaggi esatti varieranno a seconda dei produttori, ma dovrebbero essere qualcosa del genere:

  1. Avvia il tuo PC e premi il tasto funzione appropriato o la combinazione di tasti per accedere al menu del BIOS. Consulta il manuale utente della tua scheda madre o esegui semplicemente una ricerca Google per scoprire esattamente quale tasto devi premere.
  2. Vai al menu Boot nel BIOS e cerca l’impostazione dell’ordine di avvio.
  3. Modifica l’ordine di avvio in modo che il disco contenente Windows sia elencato per primo.
  4. Salva le impostazioni ed esci.
  5. Riavvia il tuo PC.

Metodo 4: Riparare la Tabella delle Partizioni Usando CMD

Windows dispone di alcuni comandi che possono rilevare la corruzione e eseguire la riparazione della tabella delle partizioni. È necessario eseguire questi comandi all’interno del Prompt dei comandi. È possibile anche eseguire il comando CHKDSK per rilevare e correggere i settori danneggiati sul disco.

Utilizza CHKDSD per scansionare e correggere i settori danneggiati

  1. Apri il Prompt dei Comandi nell’Ambiente di Ripristino di Windows (WinRE).
  2. Digita chkdsk C: /f /r e premi Invio.usare chkdsk dalla modalità di ripristino
  3. Inizierà la scansione CHKDSK.

Usa Bootrec per Riparare la Tabella delle Partizioni

  1. Apri il Prompt dei comandi all’interno dell’ambiente di ripristino di Windows (WinRE). Puoi fare ciò utilizzando Risoluzione dei problemi > Opzioni avanzate > Prompt dei comandi.
  2. Se stai utilizzando lo schema di partizionamento MBR, digita bootrec /fixmbr e premi Invio. Per i dischi basati su GPT, digita bootrec /fixboot e premi Invio.uso bootrec /fixmbr

Metodo 5: Ripara la Tabella delle Partizioni con la Gestione Disco di Windows

Utilizza questo metodo per unità che non contengono il sistema operativo principale del tuo computer o se hai collegato l’unità a un altro computer. Questo metodo prevede l’eliminazione del volume problematico e poi la creazione di uno nuovo.

Perderai i tuoi dati, quindi assicurati di recuperarli in anticipo.

Ecco come puoi farlo:

  1. Nella Ricerca di Windows (Tasto Windows + S), digita “gestione disco”. Clicca su Crea e formatta le partizioni del disco nei risultati della ricerca.
  2. Fai clic con il tasto destro del mouse sul disco che mostra il messaggio di tabella delle partizioni non valida e clicca su Elimina volume. Premi Sì su eventuali messaggi di conferma.Elimina volume Gestione Disco.
  3. Lo spazio che il volume occupava sarà indicato come non allocato. Fai clic con il tasto destro dello spazio non allocato e scegli Nuovo Volume Semplice.Nuovo volume semplice Gestione Disco.
  4. Segui i passaggi nella procedura guidata Nuovo Volume Semplice per creare un nuovo volume con una nuova tabella delle partizioni.

Come correggere l’errore della Tabella delle Partizioni non valida durante/dopo l’installazione di Windows

Anche se i dischi GPT non avviabili possono essere riconosciuti da un BIOS legacy, per utilizzare dischi GPT avviabili sarà necessario usare UEFI. Se provi a usare un disco GPT avviabile con il BIOS legacy o un disco MBR con UEFI, incontrerai l’errore di tabella delle partizioni non valida. La maggior parte delle schede madri ti permette di passare tra le modalità BIOS legacy e UEFI per facilitare una più ampia compatibilità sia con dischi MBR che GPT.

Anche i driver BIOS obsoleti possono risultare nell’errore della tabella delle partizioni non valida. Nelle sezioni sottostanti, ti mostreremo come passare tra le modalità BIOS legacy e UEFI, e come aggiornare i tuoi driver BIOS.

Passa dalla modalità Legacy BIOS alla modalità UEFI

A seconda del produttore della scheda madre, il processo esatto per passare tra le modalità BIOS legacy e UEFI sarà diverso. Ma dovrebbe assomigliare a qualcosa del genere.

  1. Accedi al menu BIOS/UEFI della scheda madre premendo il tasto corrispondente non appena compare il logo del produttore. Solitamente, è uno dei tasti funzione.
  2. Entra nel menu Avvio.
  3. Usa i tasti indicati sullo schermo per passare tra BIOS e UEFI nel campo Modalità Avvio. Passa a BIOS se intendi utilizzare un disco MBR e UEFI se desideri usare lo schema di partizione GPT.
  4. Salva le impostazioni ed esci.

Scarica e installa il BIOS da un’unità USB avviabile

Per aggiornare il BIOS in un sistema che non riesce a trovare la tabella delle partizioni o mostra l’errore della tabella delle partizioni non valida, dovrai eseguire il flash dell’aggiornamento del BIOS utilizzando una chiavetta USB avviabile. Ecco come si presenta:

  1. Collega un’unità USB a un computer funzionante.
  2. Scarica l’ultimo aggiornamento del BIOS per la scheda madre del PC che presenta l’errore della tabella delle partizioni non valida.
  3. Copia il file di aggiornamento del BIOS nell’unità USB. Si consiglia di non archiviare altri file sull’unità USB. Annota il nome esatto del file e l’estensione dell’aggiornamento del BIOS.
  4. Connetti l’unità USB al PC con la tabella delle partizioni non valida ed entra nel menu del BIOS.
  5. Vai alle opzioni di Boot e seleziona l’unità USB.
  6. La maggior parte delle schede madri rileverà l’aggiornamento automaticamente. Altre mostreranno una finestra del Prompt dei comandi. In questo caso, digita il nome esatto del file di aggiornamento del BIOS insieme all’estensione e premi Invio.
  7. Segui i passaggi pertinenti sulla tua scheda madre per flashare l’aggiornamento del BIOS.

Ricostruisci la Tabella delle Partizioni da MBR a GPT

L’utilità diskpart ti permette di convertire un disco MBR in GPT, ma cancella i tuoi dati nel processo. Questo è utile quando vuoi utilizzare UEFI e sfruttare la tabella delle partizioni GPT. Assicurati di recuperare prima i tuoi dati.

Ecco come puoi ripristinare una tabella delle partizioni e convertirla in GPT utilizzando diskpart:

  1. Entra nell’Ambiente di ripristino Windows (WinRE) e apri il Prompt dei comandi (Risoluzione dei problemi > Opzioni avanzate > Prompt dei comandi).
  2. Digita diskpart e premi Invio.Comando diskpart.
  3. Digita list disk e premi Invio.Comando list disk.
  4. Digita select disk x e premi Invio. Sostituisci x con il numero del disco che desideri convertire in GPT.Comando select disk.
  5. Digita clean e premi Invio.Comando clean.
  6. Infine, digita convert GPT e premi Invio per convertire il disco in GPT.Comando convert GPT.

Ricostruisci la Tabella delle Partizioni Senza Perdere Dati

Windows 10 e 11 ti permettono di convertire un disco MBR in GPT, senza perdere dati. Tuttavia, il disco deve soddisfare questi prerequisiti affinché questa soluzione funzioni.

Se il tuo disco soddisfa i criteri, ecco come puoi convertirlo in GPT:

  1. Avvia il computer nell’ambiente di ripristino di Windows (WinRE) e apri Prompt dei comandi (Risoluzione dei problemi > Opzioni avanzate > Prompt dei comandi).
  2. Digita MBR2GPT /validate e premi Invio.
  3. Ora, per eseguire la conversione, digita MBR2GPT /convert /disk x. Sostituisci x con il numero del disco che desideri convertire in GPT. Se c’è un solo disco collegato al tuo PC, questo sarà 0.

Conclusione

I metodi sopra spiegano come puoi riparare la tabella delle partizioni del tuo disco rigido senza perdere dati. Questi errori di solito arrivano all’improvviso e il modo migliore per proteggersi è avere una programmazione regolare dei backup. Ciò garantisce che non devi scaricare programmi di terze parti per recuperare i tuoi dati, permettendoti di affrontare il problema senza lo stress aggiuntivo della perdita di dati.

Domande frequenti:

Probabilmente, se stai utilizzando un sistema con componenti di metà anni 2010 in poi, il tuo disco utilizza la tabella delle partizioni GPT. Per esserne sicuro, devi aprire Gestione disco, fare clic destro sul disco, scegliere Proprietà, e controllare la voce nel campo Stile partizione sotto la scheda Volumi.
A seconda di cosa ha danneggiato la tabella delle partizioni, sarà necessario utilizzare uno di questi metodi per ripararla:
  • Usa il Ripristino configurazione di sistema di Windows.
  • Ripara la tabella delle partizioni utilizzando l'utilità Bootrec.
  • Usa la Gestione disco per riparare la tabella delle partizioni.
  • Ricostruisci e converti la tabella delle partizioni in GPT utilizzando diskpart o le utilità MBR2GPT.
Ci sono due modi per ricostruire una tabella delle partizioni senza perdere dati:
  1. Utilizza lo strumento Bootrec per riparare la tabella delle partizioni.
  2. Utilizza lo strumento MBR2GPT per recuperare e convertire la tabella delle partizioni in GPT in Windows 10 e 11.
In alternativa, puoi prima recuperare i tuoi dati usando un programma di recupero dati, poi usare il metodo che preferisci per ricostruire la tabella delle partizioni.
Alcuni motivi comuni per la corruzione della tabella delle partizioni includono:
  • Malware.
  • Interruzioni di corrente o sbalzi di tensione improvvisi.
  • Sistema operativo Windows configurato in modo errato.
  • Settori danneggiati sul disco.
manuviraj
Manuviraj Godara è un redattore di contenuti professionista con oltre 4 anni di esperienza nel suo campo. La sua crescente affascinazione e esperienza con la tecnologia lo spingono a creare contenuti relativi al recupero dati e alla tecnologia di consumo.
Approvato da
12 anni di esperienza nello sviluppo software, amministrazione di database e riparazione hardware.
0 COMMENTS
This field is required
This field is required
We respect your privacy; your email address will not be published.

We respect your privacy; your email address will not be published.

You have entered an incorrect email address!
This field is required