Devi usare CHKDSK /R o /F: una risposta dettagliata

manuviraj
Scritto da
Approvato da
184

chkdsk /f /rI parametri più comuni utilizzati in CHKDSK sono /R e /F. Si differenziano per funzione e tempo necessario per completare. Quindi, quale dovresti usare, CHKDSK /R o /F? Per aiutarti a decidere, descriveremo entrambi i parametri, come funzionano e come eseguire efficacemente il comando CHKDSK.

Qual è la differenza tra /R e /F in CHKDSK?

Il comando CHKDSK ha numerosi parametri che possono essere utilizzati per modificare cosa fa il comando e come funziona. Due dei più popolari sono /R e /F, che stanno per “fix” (correggi) e “repair” (ripara), rispettivamente. Correggere e riparare sono sinonimi, ma non in CHKDSK. La differenza principale tra CHKDSK /F e CHKDSK /R, è il tipo di errori che correggono.

Parametro /F /R
📋 Descrizione Rileva errori e corruzione nel file system del disco, che è un indice di tutti i file e le cartelle presenti sul tuo disco. Facendo un’analogia con il blog Ask Leo, considera il file system come l’Indice di un libro. Il parametro /F controlla che tutte le voci siano corrette, conducano alle giuste pagine e capitoli (file e cartelle), e che tutti i capitoli abbiano una voce. Il comando CHKDSK /R fa tutto quello che fa /F, ma inoltre controlla la salute di ogni settore fisico sul disco. Determina se i dati su ciascun settore sono leggibili. Se non lo sono, etichetta i settori danneggiati come “settori danneggiati” e, se disponibili, settori di riserva dedicati sono chiamati a sostituire questi settori danneggiati. Una volta che un settore è marcato come danneggiato, non viene più utilizzato da Windows per memorizzare dati.
🕒 Tempo Richiesto Controllare ogni settore del disco è un processo laborioso e il comando CHKDSK /R può richiedere diverse ore per completarsi. Soprattutto se rileva errori e tenta di correggerli. Il parametro /F richiede generalmente meno tempo per completarsi. Solitamente il tempo impiegato è inferiore ad un’ora, ma potrebbe essere maggiore, a seconda del disco e degli errori che CHKDSK incontra.
❓ Quando utilizzarlo Se noti solo una lieve corruzione dei dati sul tuo disco e non vi è alcun impatto sulle prestazioni del disco, CHKDSK /F è una scelta migliore e più rapida. Se osservi che il disco funziona più lentamente del solito e dati che scompaiono e appaiono in modo casuale, potrebbe essere necessario il comando CHKDSK /R.

Indipendentemente dal parametro che scegli, è meglio lasciare che il comando CHKDSK completi il suo corso e non spegnere bruscamente il PC.

Come evitare la perdita di dati causata dall’esecuzione del comando CHKDSK

A volte, eseguire il comando CHKDSK può causare la perdita di dati. Questo di solito accade quando CHKDSK trova settori danneggiati sul disco e tenta di ripararli. Essenzialmente, la perdita di dati è un danno collaterale quando CHKDSK rileva problemi sul tuo disco e li corregge.

Anche se CHKDSK non eliminerà sempre alcuni file mentre ripara il tuo disco, è comunque meglio prevenire che curare. Quindi, ecco come puoi evitare la perdita di dati causata dall’esecuzione dei comandi CHKDSK /R o CHKDSK /F.

La prima cosa che puoi fare è, semplicemente, eseguire il comando CHKDSK senza parametri. Così facendo, CHKDSK mostra solo lo stato del disco, ma non tenta di riparare il disco. Tuttavia, in questo modo, non sfrutti effettivamente l’utilità CHKDSK perché gli errori rimangono tali.Una migliore alternativa consiste nel fare prima un backup di tutti i tuoi dati e poi eseguire i comandi CHKDSK /F o CHKDSK /R, a seconda delle tue esigenze. Tuttavia, semplicemente copiando e incollando i dati da un hard disk già danneggiato si possono esacerbare i suoi problemi e, in alcuni casi, potrebbe essere addirittura impossibile. Ti consigliamo di creare un’immagine disco dell’unità e recuperare i tuoi dati dall’immagine disco, utilizzando un programma a tua scelta.

Per questo tutorial, abbiamo scelto di usare Disk Drill in quanto permette di creare un’immagine disco così come di recuperare dati da essa, all’interno di una singola interfaccia. È compatibile con tutti i tipi di dispositivi di archiviazione, riconosce tutti i principali sistemi di file e oltre 400 formati di file. Utilizzando Disk Drill puoi persino recuperare dati se il tuo drive non ha un file system, ossia è RAW (CHKDSK non funziona su drive RAW).

Il processo di creazione di un’immagine disco e recupero dei dati da essa è piuttosto semplice:

Step 1: Utilizza la Funzione di Backup Byte-per-Byte in Disk Drill

  1. Scarica Disk Drill e installalo.
  2. Apri Disk Drill e clicca su Backup dei drive sotto Strumenti aggiuntivi.
  3. Seleziona il drive di cui vuoi creare un’immagine disco e clicca su Backup Byte-per-Byte.Schermata di backup dei drive in Disk Drill.
  4. Scegli dove vuoi salvare l’immagine disco. Considera che l’immagine disco è essenzialmente una copia morbida dell’intero drive, quindi assicurati che la destinazione scelta abbia abbastanza spazio libero. Clicca su OK.Finestra dei parametri dell'immagine disco in Disk Drill.
  5. Disk Drill creerà l’immagine disco. Il processo potrebbe richiedere del tempo, a seconda delle dimensioni del drive.

Step 2: Recupera i Dati dall’Immagine Disco

  1. Apri Disk Drill e vai alla scheda Dispositivi di Archiviazione, sotto Recupero Dati.
    1. Fai clic su Collega immagine disco, cerca l’immagine disco che hai creato nella sezione precedente e fai doppio clic su di essa. Sarà aggiunta come unità con l’etichetta “Immagine montata” nell’interfaccia di Disk Drill.Opzione Collega immagine disco in Disk Drill.
    2. Seleziona l’immagine disco dell’unità e fai clic su Cerca dati persi.Opzione Cerca dati persi in Disk Drill.
    3. Fai clic su Esamina gli elementi trovati per visualizzare i file sull’unità. Puoi anche filtrare i file cliccando sul tipo di file corrispondente (Immagini, Video, Audio, Documenti, Archivi e Altro).Schermata Esamina gli elementi trovati in Disk Drill.
    4. Espandi la sezione Esistenti per visualizzare i file attualmente presenti sull’unità. Per visualizzare i file eliminati, espandi le sezioni Eliminati o persi e Ricostruiti.Sezioni di recupero dati in Disk Drill.
    5. Seleziona i file che desideri recuperare. Disk Drill mostrerà un’anteprima del file attualmente selezionato, ma puoi visualizzare un’anteprima manuale dei file cliccando sull’icona dell’occhio accanto al nome del file. Fai clic su Recupera una volta terminata la selezione dei file.
    6. Elenco di file recuperabili in Disk Drill.Scegli una destinazione di recupero per i file e fai clic su Avanti.Prompt della destinazione di recupero in Disk Drill.
    7. Disk Drill recupererà i file selezionati. Puoi recuperare fino a 500 MB di dati gratuitamente su Windows. Per ulteriori recuperi, sarà necessaria una licenza.

    Come eseguire correttamente il comando CHKDSK

    Scegliere i parametri appropriati e utilizzare la sintassi corretta è importante quando si esegue il comando CHKDSK.

    Ecco come eseguire correttamente il comando CHKDSK:

    1. Cerca “cmd” nella Ricerca di Windows (Windows + S). Fai clic con il tasto destro del mouse su Prompt dei comandi > Esegui come amministratore.
    2. Digita chkdsk /f o chkdsk /r nella console e premi Invio. È anche possibile analizzare partizioni specifiche, utilizzando la sintassi chkdsk X: /f (sostituisci X con la lettera della partizione, come C:, D:, ecc.).
    3. Attendi il completamento del processo CHKDSK. Il tempo necessario per il completamento di CHKDSK dipenderà dal parametro utilizzato, nonché dagli errori che l’utilità incontra sul disco.

    Su dischi formattati con il file system NTFS (file system predefinito di Windows), puoi utilizzare il parametro /i per eseguire un controllo meno approfondito delle voci di indice. Ciò ridurrà il tempo necessario affinché CHKDSK completi la scansione. Anche il parametro /c può farti risparmiare tempo a scapito di una scansione meno dettagliata.

    Consiglio: Per conoscere i vari parametri che puoi utilizzare con CHKDSK e il corretto formato della sintassi per l’utilità, puoi eseguire il comando CHKDSK /? in CMD.

    Problemi comuni durante l’esecuzione del comando CHKDSK

    Molti utenti segnalano di riscontrare alcune difficoltà durante l’esecuzione del comando CHKDSK.

    Di seguito abbiamo elencato alcuni problemi comuni e come affrontarli efficacemente:

    • Impossibile aprire il volume per l’accesso diretto: Se ricevi questo messaggio durante l’esecuzione di CHKDSK, indica che hai inserito la lettera di unità errata. Il messaggio può anche comparire se la sintassi era corretta, ma hai tentato di eseguire CHKDSK su una specifica cartella in un’unità NTFS. Qui, esegui CHKDSK sull’intera unità o partizione NTFS, anziché su una specifica cartella al suo interno. Verifica due volte la lettera dell’unità della partizione che desideri analizzare, utilizzando l’Esplora File di Windows, e poi riesegui il comando CHKDSK con la lettera di unità corretta.
    • CHKDSK non può essere eseguito perché il volume è in uso da un altro processo: Riceverai questo messaggio quando tenti di eseguire CHKDSK sull’HDD interno del PC (che contiene il SO). Windows ti chiederà se dovrebbe eseguire la scansione al successivo riavvio del sistema. Premi Y su questa schermata e riavvia il PC per eseguire CHKDSK. Puoi anche scegliere di eseguire CHKDSK dall’ambiente di Ripristino di Windows (WinRE).
    • CHKDSK è bloccato: CHKDSK impiega diverse ore e talvolta anche un giorno intero per completarsi (su dischi molto grandi). Quindi, è probabile che CHKDSK non sia bloccato e stia semplicemente svolgendo il suo lavoro. Ma, se noti che il LED del disco fisso non lampeggia affatto, CHKDSK potrebbe essere effettivamente bloccato. In questo caso, premi ESC per fermare il processo e riesegui CHKDSK. Se il problema si ripete, esegui il comando sfc /sccanow e poi esegui il comando CHKDSK.

    Conclusione

    Scegliere i parametri corretti per CHKDSK è importante, in quanto può farti risparmiare molto tempo. Aiuta anche ad evitare di stressare l’unità a causa di scansioni dettagliate che non erano necessarie in primo luogo. A prescindere dai parametri che utilizzi, raccomandiamo comunque di fare il backup dei dati importanti prima di eseguire l’utilità CHKDSK.

    FAQ

    Entrambi i parametri eseguono la scansione e correggono gli errori sul disco, ma il parametro /R esegue una scansione più approfondita e impiega molto più tempo rispetto a una scansione /F. Ti consigliamo di eseguire prima la scansione CHKDSK /F e vedere se risolve il problema del tuo disco. Se non funziona, puoi procedere con l'esecuzione della scansione CHKDSK /R.
    L'esecuzione del comando CHKDSK con parametri come /R e /F correggerà gli errori sul tuo disco. Tuttavia, eseguire il comando senza alcun parametro mostrerà solo lo stato del tuo disco, cioè rileverà gli errori ma non li correggerà.
    La migliore opzione per CHKDSK dipenderà dal tipo di problema che stai affrontando sul disco. Se si tratta di una lieve corruzione dei dati e vuoi eseguire un controllo del disco regolare, è meglio optare per la scansione CHKDSK /F. Se desideri una scansione più dettagliata, utilizza il comando CHKDSK /R, ma preparati ad attendere un po' per il suo completamento.
    CHKDSK può scansionare il tuo disco (interno o esterno) purché abbia un file system riconosciuto da Windows (non funziona su dischi RAW). Lo strumento stesso è piuttosto capace e dovrebbe risolvere eventuali errori del file system e settori danneggiati che incontra.
manuviraj
Manuviraj Godara è un redattore di contenuti professionista con oltre 4 anni di esperienza nel suo campo. La sua crescente affascinazione e esperienza con la tecnologia lo spingono a creare contenuti relativi al recupero dati e alla tecnologia di consumo.
Approvato da
12 anni di esperienza nello sviluppo software, amministrazione di database e riparazione hardware.
0 COMMENTS
This field is required
This field is required
We respect your privacy; your email address will not be published.

We respect your privacy; your email address will not be published.

You have entered an incorrect email address!
This field is required